Cè disto?

LE CARIEGHE

Una volta , come che vedhon tal ritratto che avon metù ta le novites, i veces i se sentava sulla banscia:  i parlava del pi e del manco, ma agn de afari, de question del Comun; i staseva dush insieme e i vardhava da fie miei che i podheva, col poc che i aveva; i faseva dhut debant: se al vegniva al neif a sonava la sciampana e  i vuomes i dieva a spalè al neif par le vie del paeis thenda esse pages; se un al aveva besuogn i lo iudhava in dush.   A no l’ara le carieghe gnagn dentre sciasa,  ma sol le  bansce; io me pens che su da redi, ta la sciasa vecia, intorn al larin a l’ara i scansc e intorn a la taula a l’ara le banscie. Un quoi invethe avon le carieghe dentre e fora da la sciasa, e,  se tan chiele dentre a la sciasa se senton sempre manco –  parce che sion sempre fora de sciasa o par laorier o par piasei –  tan chile de fora vethon che a l’e una guerra par sentese; e quan che un al se a sentè, a fe de dhut ma no tieresse pì su. Al se mesetha con dusc sia che i la pense come lui che i la pense in altre modo. Vethon tal governo che i se a sentè chi de una banda e chi de che la thanca,  chi votes e chi no votes;  prima i se cortelava e daspuò,  pur da mantegnì la cariega,  i va d’amour e d’accordo. Ma elo possibile? se io te ei votè al’è parce che la pensava come te! no come che l’altre che a la pensa al revars. Luor i dis che a le par al begn del paeis;  io crei che a sea sol par al sio de begn, par la soa cariega, par stei sentes e no lievesse. Come elo possibile che i  ne fesa del begn a nos se i la pensa ognun par al so vers; ni dhirà mei d’accord a parte quan che ia avarà  da fiesse la pagia. Ma nessuna meravea!  al mont a le piciol, e tal grant e tal piciol a sothet sempre la stessa solfa, sia tal governo nathional  che tal nostre piciol paeis. Straseme begn. Rita de Redi

THANTHARAN

Tal mont de un cuoi, do la che a no se se pensa de nient,  dola che a no le pì deferentha fra i dis de la fiesta e chi de la vuora; fra la thent che la cor sempre agn alla vethilia de Nadel par ce che a manscia sempre alc: un regal, la marcanthia par al pranth ; nessun a se pensa dei so amics, dei so parenth, de fermesse a parlè come che i faseva i nostre veces, intor al larin o in tal stel, do la che al’ara pì scialt; ta le nostre sciase de un cuoi, scalde e comode, no se parlon pì, no se conosson pì, i nostre canais i se sciata su facebook , ma no ie bons da giugè insieme; doman, quan che i a varà da fiesse una famea, ni savarà come ca se fè, e come tagn altres che i vif in ta la thitè, daspuò un tin i se lassarà,  par ce che ni sa ce mo che a se fe a stei insieme. A vol da stei pì insieme, gragn e picioi e pensese de le tradithions dei noste veces, e ta le vethilie delle fiste fiè thantharan pa ce chi che a laora che thantharan a stenta dut all’an. Buon Nadel e Buon an, Rita de Redi.

AL DESTIN

Marcol bonora, prima soi dutha a segnè al mort e daspuò soi dhuda in ta la diesa; al ara piena de thent, sciamò prima che a rivasse al funeral al ara i bancs piens e al ara thent agn in peis. Nessun a parlava e a no se sentiva solè una mosa; dusc i ara perdus ta i so penseirs, dusc i pensava al caso; calchethun a pregiava,  ma la pi part i pensava a ce che all’ara sothedu.  A no l’ara e a no lè pì nient da di. Par i morth e ar i vifs. Al paeis a lìè restè malamentre, dusc scion restes thentha parole, sol con le leghreme tai vuois; Doi amics, quasi frathiei, che al destin al a divithu, che ai a fat di tan doe strade diverse, thentha nessun avviso,  thentha nessuna autorisathion; un moment prima  i faseva fiesta insieme e un moment dapuò i ara tan doi month: un dolà che lè i pì; chelatre qui, con nos. Parcè? al ara la domanda che i se favesa dusc;  parcè lour doi, parcè così dovens, così taches? a no le riposte… a no se sa ce che al pensa al Signour, ce che al’è al destin. Io crei che quan che nasson a le già scrit quan che moron, e tante volte quan che mei se se la spieta. Rita de Redi

 

LE STAGIONS NO LIE PI CHILE DE UNA VOLTA

Al è proprio vero che le stagions no li e pì chile de una volta! sarà che al è pì scialt ma avon fat fouc fin l’altre dì e daspuò se sion sciates con 30 gradi de scialt; tant che lo avon sentu agn nos che sion ta le month. Ma a no le sol le stagions che non li è pì chile de una volta,  ma al è duth cambiè, agn la dhent; sion deventes come chi ca vif ta le thites: no se iudhon pì, no se parlon pì, fra un tin no se dison pì gnagn dondì. A no ne interessa de nessun e de nient, stason dentre sciasa e tal nostre cortif, fason i nostre mestiers ma avon perthu al piasei da stei insieme a chi altres Non sion  come i nostre veces che i se sentava ta le bansce e i se contava ce che a sothedeva; calche volta i sciatava agn da di, ma l apì part iara in armonia e i se iudhava un con l’altre; se un al aveva besuogn i ara dusc pronth a dei una man; se un al ara malè i dieva dusc a fiei una nuot: ades se to a besuogn che calche dun a te fesa una nuot no to lo sciata gnagn a  pagelo. Avon perdù tagn dei nostres valours: non credhon più tan nient, no dion pi in tala dhiesa e a no ne interessa de ce che a sothet fora della nostra sciasa. Dovariscion tornè un tin in daere, no ta la miseria, ma tala comunitè, stei un tin pì insieme in armonia.

 

LE CUCOLE E LE NUSELE

I veces i diseva che se in autun al ara tante cucole o nusele a vegniva un invarn pien de neif, se invethe a no in ara a no vegniva ngan un tin de neif. Chest autun al no l’ara gnagn una nusela e sul cucolar de mioma gnagn una cucula;  a me par, però,  che chest invarn  ai ne già vegnuda neif e lune prossem i  na  metu un metro !  Altro che neint nusele, nient neif! un invarn così nol se vedheva da agns.

SUI TOGNOS

L’altre sara ei parlè con mi agna Lina (del ’15) madidatha a mi barba Toni de Nicol (fradhel de la me mo) che la me a dit che lei la se pensa che quan che la dieva a le basse i diseva i tognos; che a Thimolei a ni n’ara de nessuna ratha, che iara dusc thimolians a parte chalchedhun che a se aveva maridhè (vuoms o femene), che i deventeva thimolians d’adothion; come par esempio la me mo de tertha generathion che al’ara partitha a cas , Margherita Manarin, e che la se aveva maridhè con mi nono Vigi de Redi o la me mo de seconda generathion,Vigia, la Bedhina, sour de Belali, che la se aveva marithè con mi non Iacon de Redi e che al’ara da Ciolt. Par al rest i foresti o i vilegianti ie rives pì tarth, quanche i medhecs da Pordenon ia scomenthè a dilo ale mame da portè i canais a ciapè l’aria a mietha mont, che ai favesa begn; de solito i staseva un meis e agn doi; me pens che iò da la me mo Rosa de Pegna a vegniva sempre la stessa famea: una femena con doe puldhete, fin quan che li e vegnudhe grande;  a l’ara agn i foresti c’a vegniva par dhi su par le month (chi da trieste,  da pordhenon e agn tedhescs). Un cuoi, invethe, i foresti i vegn sol par calche ora, o calche dhi; avon calchedhn che a le vegnu agn a stei e che al a compreè la sciasa; avon a chi che a le vegnu a governè al  Comun; resta un fato: che i sea vilegianti, foresti o tognos: no ie Thimolians. Staseme begn. Rita De Redi

 

LE FANDONIE

Le sere de novembre, quan che a vegniva scur prest, la me mo, Pina de Nicol,  daspuò thena la me contava le fandonie de una volta. Fora dal barcon  su la therethara de Simon de Redi , una rufola la sciantava e liei la scomenthava sempre “senteto la rufola, la porta mel, a besogna stei attente che quan che la scianta a le sempre una desgrathia ca riva”. E dhapuò la scompenthava co le so storie, de chile che no to dormiva pì da la poura che a te vegniva. Vin cont una che al ara la chela che ai pieseva de pi: “una volta le femene no le potheva di fora de sciasa dapuò l’ave maria, che i diseva che al ara i spireth che i te faseva i despieth e che i poteva fiete agn del mel; se dhapuò to dieva fora a medhanuot to poteva sciatete la prodhession dei morth che i partiva tal thimiterio e i faseva la prodhession io par la via Roma e su par al Chianel par tornè dho par la Vila. Fato stà che una femena la se ha scietè bela sola una nuot col canai con la fievera  –  al su vuom al’ara par al mont par laorier. La proa in dhute le maniere par fie di do la fievera, ma al canai al stà sempre pì mel. A noi resta che dhi a ciamè al medec; in chela volta thenta telefono e telefonins a se dtoveva par fortha di fora de sciasa; no la se inacorth gnan che ale methanuot. Quan che la riva vi da la thiesa – al medec al stavesa vi da Madio (tachè ta la lataria) e lie vi da la Bela  – la se chiata la prothession dei mort; ie dhusc con una sciandela ta la man;   in tant che i passa un ai sporth la sciandela; lei no savendo ce fie a la ciapa e daspuò dhuta spaventava la torna vi sciasa; la matina la varda ta comò, dholà che al aveva metu la sciandela e al post del la sciandela la vei un os de un brath; no savendo ce fie la va vi dal preve e ai domanda ce mo che al a da fie; al preve ai dhis da ciapè un giat neigre e mettelo ta un sac, tornè la sera a la stesa ora e dal stes post  e quand che a passa la porthession spordhe a chel  thentha ciandela  all’os e mostrei al  sac con giat. La femena la fè ce che ai a dit al preve e quanche la torna a sciasa al giat a le mort. Al preve ai dis che se a no l’aves portè al giat a sares mort so fi, che invethe tal mentre, al se aveva varì”. Un’altra volta vi contarei de le altre. Sei che bitagn thimolians i lieth chis miei scrith; torn a dhi che a sares begn che i meta a post ce che scrif, no me offend se me disei dola che al ‘è da cambiè e avares piasei, se avei delle fandonie da contè che me le mandea che io dapuò le met qui. Condio RIta de Redi.

TOGNOS

I tognos, par nos, a le sempre stè chi c’à vegniva da fora. Ma no dusc; sol chi che a se vedeva da lontan che no iara proprio da thimolei; no sol parce che i parlava un’altra lenga;  agn quan che no i diseva nuia a se vedeva che no iara thimolians; mi oma la conta sempre un fat che a le sothedhu quanche al’ara puldeta: dentre par la val al ara un pocs de tognos che i faseva marenda coi so canais; insieme all’ara agn un canai che al vardava le sceure e par caso al se aveva sentè vesin a chis qui. A un certo punto al salta fora un canai de chi dei tognos e ai domanda a si pare “pare ma parcè chel canai vi al no mangia pan e salè come nos?”; al canai all’aveva polenta bela sescia, che al no l’aveva nient  altre! Ma angn un quoi vedon le stesse robe: al è chi che a se meseda coi thimolians e a no se se inacorth gnan da do che i vegn, come par dhi Carmelo,  che a lè daere al banc de la bira de la Pro Loco e se al nol parla al par proprio dei nostres, e altres che, invethe, i volares  fie vede che ie da Thimolei,  i a la preteisa da saveila tant luongia e ni sa gnan do la metese quanche al i va ai  funerai tant che  si sciaton daere insieme alle femene.  Condio. Rita de Redi

LE THORTH

Ormai ch’esta istè se sion abitues a vedhe le thorth  morte  tai cortif e luonc le strade. Al è chi cal dis che a le causa del teremot che a l’à fat un gas che al fè morì dute le thorth; al è chi chal dis che al’è stè calchedun che al è a moladhe da un aereo par dei da mangè a le aquile  e chi che a dis che al è stè un invarn scialt che al ‘à fat dal lour la possibilitè da riprodusese tan de pì e chest al ‘è al risultat (le thorth a se sa le ha un temp de sol tre stemane par partorì dei fis). ce che al è stè a no se sa de preciso, ma ce che vedhon a le una roba nuova; tante thorth vive e morte e adhes al è al manco che le sciata da mangiè dapardhut, chissà  ce che a sothedharà quest’autun quanche a scomentharà i prims freith; avaron sicumanete le thorth agn dentre sciasa come che al’ara una votla; al comun al’a fat la deratisathion, speron in begn! Rita de Redi

 

AL TEMP

Ce temp c’al fè. Non se capis pì nient. Chest invarn no l’a nevigè; la primavera,  quan che i fiours iara dusc de fora,  al è vegnu al neif e ades a no l’è un meil o un peir sui melars e su le perare. Daspuò a la piovù e sta nuot, al vintidoi de lui, al è dies gradi; al l’è vegu la tampiesta che al’ha rovinè i ort e fat dans su le veture; No se sa ce dì; al mont a’è cambiè; al’è chi ca dis che al’è i ultens dis,  che mile no pì mile, che dion vers la catastrofe universal; e oltre al temp al è angn le bestie: prima i mossins e i peduois ades i lagagns; tà l’ort e tal sciamp a no resta pì nuia de ce che avon semenè. A besogna di a Don Umberto che al torne a fiè le rogathions,  la prodession de San Marc e la fiesta del butol don San Belin, in modo da pregiè al Signour che al ne varde da “fulgore e tempestate”  e “da flagello terremoto”,  che agn chest,  stà volta al’è vegun. Se dapuò to parla con mi’oma lei la dis che chiste robe li è sempre stade, che a no se se pensa, ma al temp a la fat sempre ce che a la volu; che al le stè siamo che al’è vegu al neif al meis de avril e che al è stè sot zero al meis de dugn; la se pensa liei che ia tornes a semenè i fasoi dei ciamps, che i aveva già ciapè al race. E alora no stason lamentese tant, ma ciapon ce ca vegn. Condiò. Rita de Redi

SULLA BANSCIA

Una volta  i vuomes alla sera, invethe che stei davant la television, par contesse ce che a sothedeva  i se sentava sulle bansce che le ara quasi in tan dusc i cortifs e ta le strade, dola che a no l’ara gnagn una vetura. Al contava mi pare che quanche lui   a l’ ara canai, vi da Nicol, do la che adhes a le al munithipio, a l’ara una banscia luongia tant che a l’è luonc al mur e dusc i vuomes del contrun, i se sentava vì;  ai canais ai tosciava portei l’ega che i dieva a to t la fontana della piatha. Sicome si nono a l’ara al vece de Nicol ai tosciava spes e volentei dovei fiè chel sarvise.
Chi c’a se pensa de calche banscia particolar al può scriveme che così io lo met uqui e così recuperon un toc della nostra storia.
Condiò.
Rita de Redi

 

par chi che a là alc da dì
Quan che arivion canajs la nostra parlada al ara sol in Thimolian; ades no sol no parlon pì in thimolian, ma gnan penson in ta la nostra lenga. Un quoi che a se se parla sempre de pì par “chat” volon verde stò barcon in modo che dusc i puosa descute in thimolian e agn dhè la lour version de ce ce dison, parcè che, me rent cont agn io,  de no sei pì parlè in thimolian; magari chi che al ‘è pare via al’a mantegnù calche termen che nos avon desmentigiè. A dusc daron la possibilitè da dì la lour version. Penson che in chesta maniera pothon mantegnì viva la nostra parladha, che a no l’è son una semplia traduthion dal talian ma una concethion de vita e tradithions.
Rita de Redi

17.03.2013

Milio al scrif:cucole , nusele, bozon de negre, rubato il museo egizio a milano ,
i ladri avevano un accento dell’est !!!!!!
Dhò par Narthon i diseva così:
1) sedhonin
2) cuartele
3) dhupesa
4) bicer
5) misì
6) balacia
Su par Bresa invethe:
1) guciarìn
2) intimele
3) giacheta
4) gòt
5) caltheth
La polizia indaga , i soliti in GRAVA e quei altri in GAGA
oh Maria vergine, condiò
ciao a tuti milio

 

 

 

Lascia un commento